Fuertes en la fe y generosos con las personas

fran04052015_GuardiaSuiza

Audiencia del Santo Padre a la Guardia Suiza Pontifica

7 de mayo de 2016.- Crecer en la fe, experimentar la universalidad de la Iglesia y hacer experiencia de fraternidad han sido las tres indicaciones que el Santo Padre ha dado a los nuevos Guardias Suizos que ayer juraron bandera y hoy han sido recibidos en audiencia con sus familiares. “Es hermosos ver que jóvenes como vosotros dedican algunos años de su vida a la Iglesia y, especialmente, al Sucesor de Pedro”, aseguró Francisco.

Para crecer en la fe los Guardias Suizos están llamados a vivir su trabajo “como una misión que el Señor mismo os confía -afirmó el Santo Padre, – a aprovechar el tiempo que transcurriréis aquí, en Roma, en el corazón de la cristiandad, como una oportunidad para profundizar la amistad con Jesús y caminar hacia la meta de toda verdadera vida cristiana: la santidad”. El Papa invitó pues a los nuevos miembros del Cuerpo a nutrir su espíritu con la oración y la escucha de la palabra de Dios, a participar con devoción en la Santa Misa y a cultivar una devoción filial a la Virgen María, para realizar su misión particular, trabajando todos los días “acriter et fideliter”, con valor y fidelidad.

“Las tumbas de los Apóstoles y la sede del obispo de Roma – continuó refiriéndose al segundo punto- son un cruce de caminos de peregrinos de todo el mundo. Por lo tanto tenéis la oportunidad de sentir muy de cerca la maternidad de la Iglesia que acoge en sí , en su unidad, la diversidad de muchos pueblos. Podréis encontrar a personas de diferentes lenguas, tradiciones y culturas, pero que se sienten hermanos porque les acomuna la fe en Jesucristo”.

También es importante experimentar la fraternidad, ayudándose unos a otros en el trabajo cotidiano y enriqueciéndose mutuamente recordando siempre que “es mejor dar que recibir”. “Asumiendo esa actitud -observó Francisco- os será más facil hacer frente con diligencia y perseverancia a las tareas grandes y pequeñas de servicio diario, dando testimonio de amabilidad y espíritu de acogida, de altruismo y humanidad hacia todos”.

“Estimados guardias -concluyó – os deseo que viváis intensamente vuestras jornadas firmes en la fe y generosos en la caridad con las personas que encontréis”.

(VIS)


Discorso del Santo Padre

Signor Comandante,
Reverendo Cappellano,
care Guardie,
cari familiari e amici della Guardia Svizzera Pontificia,

All’indomani della vostra festa io sono lieto di incontrarvi e di festeggiare con voi, anche per esprimere il mio apprezzamento e la mia gratitudine per il vostro servizio, la vostra disponibilità e la vostra fedeltà alla Santa Sede. Un particolare saluto rivolgo alla Reclute e ai loro familiari, come pure ai Rappresentanti delle Autorità svizzere qui presenti. È bello vedere dei giovani, come voi, che dedicano alcuni anni della loro vita alla Chiesa, segnatamente al Successore di Pietro: è un’occasione unica per crescere nella fede, per sperimentare l’universalità della Chiesa, per fare un’esperienza di fraternità.

Crescere nella fede. Siete chiamati a vivere il vostro lavoro come una missione che il Signore stesso vi affida; a cogliere il tempo che trascorrete qui a Roma, nel cuore della cristianità, come opportunità per approfondire l’amicizia con Gesù e camminare verso la meta di ogni vera vita cristiana: la santità. Perciò vi invito ad alimentare il vostro spirito con la preghiera e l’ascolto della parola di Dio; a partecipare con devozione alla Santa Messa e coltivare una filiale devozione verso la Vergine Maria, e così realizzare la vostra peculiare missione, lavorando ogni giorno “acriter et fideliter”, con coraggio e con fedeltà.

Sperimentare l’universalità della Chiesa. Le tombe degli Apostoli e la sede del Vescovo di Roma sono crocevia di pellegrini che provengono da tutto il mondo. Voi avete così la possibilità di toccare con mano la maternità della Chiesa che accoglie in sé, nella propria unità, la diversità di tanti popoli. Potete incontrare persone di diverse lingue, tradizioni e culture, ma che si sentono fratelli perché accomunati dalla fede in Gesù Cristo. Vi farà bene scoprire la loro testimonianza cristiana e offrire, a vostra volta, una serena e gioiosa testimonianza evangelica.

Fare esperienza di fraternità. Anche questo è importante: essere attenti gli uni agli altri, per sostenervi nel lavoro quotidiano e per arricchirvi reciprocamente, ricordandovi sempre che «si è più beati nel dare che nel ricevere» (At 20,35). Sappiate valorizzare la vita comunitaria, la condivisione dei momenti lieti e di quelli più difficili, prestando attenzione a chi tra di voi si trova in difficoltà e a volte ha bisogno di un sorriso e di un gesto di incoraggiamento e di amicizia. Assumendo questo atteggiamento, sarete favoriti anche nell’affrontare con diligenza e perseveranza i piccoli e grandi compiti del servizio quotidiano, testimoniando gentilezza e spirito di accoglienza, altruismo e umanità verso tutti.

Care Guardie, vi auguro di vivere intensamente le vostre giornate, saldi nella fede e generosi nella carità verso le persone che incontrate. Vi aiuti la nostra Madre Maria, che onoriamo in modo speciale nel mese di maggio, a sperimentare ogni giorno di più quella comunione profonda con Dio, che per noi credenti inizia sulla terra e sarà piena nel cielo. Siamo infatti chiamati, come ricorda san Paolo, ad essere «concittadini dei santi e familiari di Dio» (Ef 2,19). Affido voi, le vostre famiglie, i vostri amici e quanti, in occasione del giuramento, sono venuti a Roma, all’intercessione della Madonna, dei vostri Patroni, san Martino e san Sebastiano. Vi chiedo per favore di pregare per me, e di cuore vi imparto la Benedizione Apostolica.

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión /  Cambiar )

Google photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google. Cerrar sesión /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión /  Cambiar )

Conectando a %s