Saludo al Santo Padre del cardenal Kurt Koch

koch

Sr. Card. Kurt KOCH
Presidente del Pontificio Consejo para la promoción de la unidad de los cristianos

Miércoles 25 de enero de 2017

[texto en italiano]

Santo Padre,

a conclusione di questa celebrazione dei Vespri nella Solennità della Conversione di San Paolo Apostolo, desidero rivolgerLe un caloroso saluto. A nome mio personale e dei fratelli e delle sorelle riuniti qui in preghiera nella Basilica di San Paolo fuori le Mura, La ringrazio per aver voluto presiedere anche quest’anno la celebrazione vespertina, ricordando così, ancora una volta, quanto l’impegno ecumenico per la ricomposizione dell’unità dei cristiani faccia parte delle priorità pastorali del Suo pontificato.

La Settimana di Preghiera per l’unità dei cristiani che oggi concludiamo s’incentra sul tema tratto dalla seconda lettera di San Paolo Apostolo alla comunità di Corinto: “L’amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione”. Questo tema è stato scelto dalla Comunità di Chiese Cristiane in Germania, nella consapevolezza che la storia della Riforma, il cui inizio, cinquecento anni fa, viene commemorato quest’anno, è segnata non solo dalla riscoperta del vangelo della grazia gratuita di Dio, ma anche da dolorose divisioni, come Lei, Santo Padre, ha ricordato insieme al Presidente della Federazione Luterana Mondiale, il Vescovo Younan, nella dichiarazione comune firmata a Lund, con le seguenti parole: “Mentre siamo profondamente grati per i doni spirituali e teologici ricevuti attraverso la Riforma, confessiamo e deploriamo davanti a Cristo il fatto che luterani e cattolici hanno ferito l’unità visibile della Chiesa.” (Dichiarazione comune in occasione della commemorazione comune cattolica-luterana della Riforma, il 31 ottobre 2016).

Il pentimento e la purificazione della memoria storica devono avvenire sotto il segno della riconciliazione, riconciliazione che può nascere soltanto dall’iniziativa di Dio e che rappresenta il dono che Dio fa a noi uomini e all’intero cosmo. Nel lasciarci riconciliare da Dio in Cristo, dobbiamo noi stessi annunciare la riconciliazione di Dio, ci dobbiamo impegnare nella promozione della riconciliazione tra i cristiani e dobbiamo lasciarci spingere dall’amore di Cristo. L’amore infatti è il motore di ogni sforzo ecumenico. Il vero amore non cancella le legittime differenze tra le Chiese cristiane, ma le conduce insieme, riconciliate, ad una più profonda unità.

“L’amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione”: sappiamo che questo messaggio è anche il motivo centrale del Suo impegno ecumenico, Santo Padre, per l’unità dei cristiani. Nel ringraziarLa di cuore per questa Sua testimonianza, Le promettiamo di accompagnare con la nostra preghiera il Suo ministero petrino, teso alla costruzione di ponti e alla riconciliazione tra i cristiani. E le chiediamo, Santo Padre, la Sua benedizione apostolica.

Anuncios

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s